Il 2020 è l’anno del franchising?

Dal rapporto di settore condotto da Assofranchising emerge un quadro tutto a favore per il sistema franchising

Ho sempre sostenuto il vantaggio del sistema franchising per i nuovi imprenditori e oggi i dati raccolti da Assofranchising dimostrano che effettivamente questo sistema cresce rigoglioso in tutta Italia.

Il primato regionale va alla Lombardia, con 9.182 punti vendita totali, seguita dal Lazio (6.539), e la Sicilia (4.970). Seguono poi il Piemonte (4.634) e la Campania (4.329).

Tanto per sviscerare concretamente un po’ di numeri, stiamo parlando di un giro d’affari di oltre 26 miliardi di euro solo nel 2019, vale a dire un aumento del +4,4% rispetto all’anno 2018.

Sono 56.441 i punti vendita in Italia. Ovviamente ci si riferisce a vari settori, ma il dato è interessante se si pensa che in totale queste realtà danno lavoro a 217.150 persone.

Le insegne operative in Italia sono 980, anche queste in crescita del +2% rispetto allo scorso anno e fra queste 880 sono tutte italiane.

A cosa è dovuto il successo del sistema franchising?

Diventare imprenditore è una scelta e ci mette davanti a una serie di domande cui è necessario trovare risposta prima di cominciare. Anzitutto, significa individuare un prodotto o un servizio che vada a soddisfare una esigenza al momento non soddisfatta.

Significa poi capire come posizionarlo sul mercato e organizzare un’azienda con tutto ciò che questo comporta.

Se si desidera avviare l’attività con successo sarà necessario delineare con cura una vision, una strategia e soprattutto degli obiettivi. E tutto questo dovrà essere messo in ordine all’interno di un preciso modello di business, che definisca una linea guida da seguire ma che risulti anche flessibile quanto basta da adattarsi i cambiamenti del mercato.

Tanti elementi da armonizzare per avviare l’attività. Oppure…

In uno scenario tanto complesso e impegnativo, il franchising sembra fornire tutte le risposte in una sequenza più agile e anche più sicura.

Entrare a far parte di un network in franchising in effetti permette di avvalersi di un know how già collaudato, e dell’esperienza di qualcuno che ha già sperimentato con successo un format che funziona.

Non solo. Far parte di una rete ci tutela sotto molti aspetti, anche perché beneficiamo della continua attività di ricerca e di innovazione che l’azienda madre conduce in quanto elementi strutturali della continuità del proprio business.

La scelta del settore

Cè una grande varietà di prodotti e servizi per chi desidera avviare un’attività propria godendo dei vantaggi del franchising.

Si può scegliere in funzione delle proprie personali inclinazioni e competenze, il che è sempre consigliabile.

È quello che accade per esempio in PlayZone Italy: con un target quasi completamente al femminile, composto prevalentemente da mamme, animatrici o educatrici, questo franchising che curo da tempo offre un’occasione a chi ha passione per i più piccoli e desidera trasformarla in un’attività vera e propria.

Molte volte la scelta ricade invece sulla novità, sull’innovazione, sulla potenzialità di un business in cui si è pionieri al 100%.

Ed è il caso di un altro franchising che seguo: Virtual Play. Su questo tipo di settore (sale giochi in VR) si riversano molti imprenditori più “navigati”, in cerca di un business ad alta resa in cui la concorrenza sia scarsa e il mercato ancora tutto da conquistare.

Qualunque sia la tua idea, è possibile che io possa darti una mano, quindi contattami e parliamone!

Lascia un commento

cropped-favicon.png

verifica finanziabilità

prima di iniziare il quiz scegli un opzione

chi sei?