Montagna Italia 2022: contributi a fondo perduto

Il bando “Montagna Italia” sostiene con contributi a fondo perduto lo sviluppo di attività imprenditoriali, in forma singola o associata, con lo scopo di valorizzare il turismo di montagna, specie nel meridione. 

Il Ministero del Turismo informa della possibilità di inviare entro il 30 settembre 2022 una manifestazione di interesse per finanziare un progetto che valorizzi e rilanci il turismo montano attraverso l’attuazione di adeguamenti infrastrutturali e la pianificazione e promozione dei prodotti turistici in ottica di sostenibilità.

L’obiettivo è quello di sostenere progetti finalizzati alla promozione di processi di integrazione all’interno della filiera turistica montana, attraverso la costituzione di forme di aggregazione di impresa, con lo scopo di migliorare la specializzazione e la qualificazione del comparto e incoraggiare gli investimenti per accrescere la capacità competitiva e innovativa dell’imprenditorialità̀ turistica del settore, in particolare sui mercati esteri.

In questo modo, sarà possibile favorire la crescita sostenibile del turismo in montagna, garantendo la tutela idrogeologica dei territori ed evitando lo spopolamento dei piccoli centri. La valorizzazione delle diverse aree montane del Paese, dunque, può essere messa in atto solo creando nuove infrastrutture disponibili che rendano possibile la fruizione della montagna per tutto l’arco dell’anno. 

Il Bando Montagna Italia ha lo scopo di selezionare i progetti ritenuti migliori presentati da imprese private profit e non profit, con preferenza premiale per quelle organizzate in rete o raggruppate. I soggetti beneficiari dovranno, quindi, presentare un piano per la valorizzazione turistica del patrimonio montano e per il potenziamento delle infrastrutture esistenti, per la fruizione sostenibile, anche alla luce dei cambiamenti climatici in atto.

Ecco cosa troverai in questo articolo

Montagna Italia 2022 - proponenti

Per partecipare al bando Montagna Italia 2022, le candidature per il finanziamento dei Progetti per la Montagna possono essere presentate da soggetti privati profit o non profit (“Proponenti”), in forma singola o aggregata, con preferenza e premialità per la forma aggregata.

A titolo esemplificativo, è favorita la partecipazione dei Raggruppamenti di imprese, dei Consorzi locali di promozione turistica, delle Organizzazioni di Management delle Destinazione turistica comunque denominate purché di diritto privato (DMO o DMC), e delle Reti di impresa turistiche e connesse, esistenti e/o da creare appositamente per la partecipazione al bando Montagna Italia 2022.

Nel caso di aggregazioni, la candidatura deve essere presentata dal soggetto che assume il ruolo di
Proponente. Ciascun soggetto – sia capofila che aggregato – può presentare o partecipare ad un’unica
candidatura
, pena l’esclusione di tutte le candidature presentate o partecipate. 

Il Proponente è l’unico referente nei confronti del Ministero del Turismo per tutti gli aspetti amministrativi, di monitoraggio, controllo e rendicontazione degli interventi e delle relative spese ed è l’assegnatario delle risorse finanziarie attribuite al Progetto per la Montagna.

I Proponenti devono preventivamente stipulare un Patto di collaborazione con un soggetto pubblico riferibile alla montagna (come definita da MIPAAF/SIM/UNCEM) ovvero un ente pubblico o locale che abbia all’interno del suo territorio almeno una porzione con altimetria superiore ai 600 metri s.l.m., come da definizione corrente di “montagna”, nel quale lo stesso soggetto pubblico si impegni a partecipare al progetto e che attesti che lo stesso progetto presentato persegua l’interesse pubblico e la rilevanza dell’attività da svolgersi per le finalità di cui al presente avviso. 

A titolo esemplificativo, il Patto potrà essere stipulato con Comuni montani e loro unioni, Comunità montane, Enti Parco o Enti gestori di aree naturali protette, Organizzazioni di Management delle Destinazione turistica comunque denominate purché di diritto pubblico (DMO o DMC) ovvero altri soggetti pubblici pertinenti. 

È ammesso che uno stesso soggetto pubblico, peraltro non beneficiario diretto, possa essere parte di più accordi con diversi Proponenti.

 

Montagna Italia 2022 - progetti

Il bando Montagna Italia 2022 è finalizzato a selezionare progetti (“Progetti per la Montagna”) presentati da soggetti privati profit e non profit, con preferenza premiale per quelli organizzati in rete o raggruppati, per la valorizzazione turistica del patrimonio montano e per il potenziamento delle infrastrutture esistenti, per la fruizione sostenibile, anche alla luce dei cambiamenti climatici in atto, specie nelle Regioni del Meridione d’Italia.

I Progetti, per il Bando Montagna Italia 2022, dovranno essere, dunque, finalizzati a:

  • qualificare e potenziare la dotazione e la proposta di servizi esistente ed eventualmente le
    infrastrutture funzionali agli stessi servizi;
  • implementare, anche mediante la promozione di esperienze associative/federative, forme di turismo funzionali alla conservazione ed alla cura dell’ambiente;
  • favorire la promozione dei prodotti tipici;
  • promuovere il turismo esperienziale (es. turismo enogastronomico, naturalistico, religioso,
    sportivo, culturale, ecc.);
  • implementare il ricorso all’innovazione ed alle nuove tecnologie facendo leva sul Tourism
    Digital Hub (TDH), sull’interoperabilità e sulla trasformazione digitale;
  • sfruttare il TDH per amplificare la notiziabilità e la diffusione delle iniziative attraverso il digitale, incluse quelle di marketing e di partenariato sul territorio

Montagna Italia 2022 - dotazione finanziaria

Le risorse disponibili per il bando Montagna Italia 2022 ammontano complessivamente a euro 26.700.000,00, così suddivise:

  • euro 21.360.000,00 è destinata alle otto regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna);
  • euro 5.340.000,00 è destinata alle residue regioni del Centro Nord.

Il riparto regionale per le due macro-aree Centro Nord e Mezzogiorno risponde alla chiave di riparto applicabile alle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione.

Il finanziamento concedibile è pari al 100% del totale dei costi ammissibili sull’operazione, inclusivi di IVA qualora non recuperabile dal beneficiario, per le spese eleggibili a valere sul FSC 2014/2020. 

Rappresenta elemento di premialità la presenza di un cofinanziamento da parte del beneficiario, il quale potrà essere fornito anche in modalità diversa da quella finanziaria, attraverso apporto di mezzi e risorse umane.

È possibile aggiungere altri finanziamenti pubblici, comunitari, nazionali o regionali, a condizione
che tale contributo non copra le medesime spese rimborsate dal FSC.

Saranno finanziati Progetti per la Montagna per un importo massimo del contributo concedibile
(comprensivo di IVA) pari a euro 2.000.000,00 ciascuno.

Il finanziamento è concesso nella forma del contributo a fondo perduto ed è concedibile nella
misura massima del 100% delle spese ammissibili per la realizzazione degli interventi nei limiti del
massimale.

Montagna Italia 2022 - spese ammissibili

Per il Bando Montagna Italia 2022 sono finanziabili le spese sostenute in osservanza della normativa comunitaria, nazionale e regionale vigente, ivi incluse le spese per l’acquisizione di tutti i pareri, nulla osta o altri atti di assenso necessari ed effettivamente sostenute dal soggetto attuatore, comprovate da idonea documentazione contabile e debitamente tracciabili:

  • spese per la realizzazione di attività, servizi turistici, sociali, ricreativi, eventi, manifestazioni,
    comprese le spese per l’affitto di spazi e locali in cui si svolgono le iniziative programmate, per l’allestimento degli spazi in cui si svolgono le iniziative, per materiali e forniture, per la direzione artistica e per il compenso agli artisti, ai relatori, agli ospiti, ecc.;
  • spese per la realizzazione di studi/ricerche propedeutiche, attività di accompagnamento;
  • costi per l’avvio della gestione di attività e servizi;
  • costi di promozione e comunicazione;
  • investimenti in servizi specialistici per il miglioramento della qualità dell’offerta, anche mediante l’impiego di professionisti altamente specializzati, e per la costruzione di prodotti/pacchetti turistici integrati;
  • spese per attrezzature, impianti e beni strumentali finalizzati anche all’adeguamento degli standard di sicurezza, di fruibilità da parte dei soggetti disabili;
  • spese per l’esecuzione di lavori funzionali ai punti precedenti;
  • spese per l’acquisto di beni/servizi;
  • spese per l’acquisizione di autorizzazioni, pareri, nulla osta e altri atti di assenso da parte delle amministrazioni competenti;
  • spese tecniche di progettazione, direzione lavori, coordinamento della sicurezza e collaudi, opere d’ingegno, incentivi per funzioni tecniche;
  • costi relativi al rilascio dell’idonea garanzia fidejussoria/cauzione;
  • imprevisti (se inclusi nel quadro economico);
  • allacciamenti, sondaggi e accertamenti tecnici.

L’imposta sul valore aggiunto (IVA) è un costo ammissibile solo se questa non sia recuperabile, nel rispetto della normativa nazionale di riferimento.

Montagna Italia 2022 - presentazione della domanda

La domanda di finanziamento, per il bando Montagna Italia 2022, completa della proposta, dei documenti e dichiarazioni previsti, può essere presentata dal 05 Agosto 2022 e deve essere completata, entro il 30 settembre 2022, utilizzando esclusivamente la Piattaforma informatica, accessibile tramite SPID, che il Ministero del Turismo ha messo a disposizione. 

I Proponenti del bando Montagna Italia 2022 che intendono presentare la domanda di finanziamento devono essere obbligatoriamente in possesso di una casella di posta elettronica certificata.

Tutti i documenti e le dichiarazioni necessari ai fini della presentazione della domanda di
finanziamento per il Bando Montagna Italia 2022, ivi compresa la stessa domanda di finanziamento e la relativa proposta, devono essere caricati sulla Piattaforma muniti di firma digitale del legale rappresentante del Proponente sottoscrittore della domanda di finanziamento (nonché, per i documenti e le dichiarazioni per i quali è espressamente previsto, anche dei legali rappresentanti dei singoli soggetti aggregati). 

In ogni caso, tutta la documentazione da firmare digitalmente dovrà essere redatta nel formato PDF.

Montagna Italia 2022 - considerazioni/conclusioni

Concludiamo con una frase di William Blake "Quando uomini e montagne si incontrano, grandi cose accadono"

William Blake

Hai un tuo progetto? Hai bisogno di essere finanziato?

Hai un tuo progetto? Hai bisogno di essere finanziato?

Condividi su:

cropped-favicon.png

iscriviti alla newsletter

rimarrai aggiornato su tutte le novità, potrebbe essere l'occasione per realizzare il tuo progetto

cropped-favicon.png

vuoi rimanere aggiornato sui nuovi bandi agevolati?

iscriviti alla newsletter