Pre-Seed: sostegno a startup innovative e alle startup nate da spin-off della ricerca

PRE-SEED: sostegno alla creazione e al consolidamento di startup innovative e alle iniziative di spin-off della ricerca

Preseed

La Regione Lazio, oltre al bando Smart & Start di cui ne abbiamo parlato in un precedente articolo, ha creato – sempre nell’ottica di finanziamento di Startup innovative – il Bando Pre-Seed (POR FESR 2014-2020), per sostenere le imprese che si trovano nella fase del c.d. pre-seed, ovvero nella prima fase di sviluppo del business. 

La dotazione ammonta ora a 8 milioni di euro, con una riserva di 1 milione di euro per progetti di impresa Startup Innovativa aventi ad oggetto la realizzazione di prodotti, servizi e applicazioni finalizzati alla gestione dell’emergenza COVID-19 e degli effetti economici e sociali ad essa correlati.

L’obiettivo è promuovere la creazione di startup innovative e sostenere le loro prime fasi di avviamento (cd. pre-seed), al fine consentire loro di reperire la finanza necessaria per consolidare l’idea di business e renderle interessanti per il mercato del capitale di rischio, ovvero rafforzare il legame tra ricerca ed impresa incentivando gli spin-off della ricerca.

Allo stesso tempo, l’iniziativa punta al rafforzamento del legame tra il mondo della ricerca e le imprese attraverso la promozione di spin-off della ricerca.

Startup e spin-off costituiscono un volano per la crescita economica e l’occupazione, specie quella giovanile e di alto profilo, nei settori ad alta tecnologia. Le modalità di dell’avviso consentono al contempo di promuovere l’intervento di operatori, come ad esempio i “business angels” che, nella delicata fase del pre-seed, sono in grado di fornire alle startup innovative sostegno anche non esclusivamente finanziario.

Ecco cosa troverai in questo articolo

PRE-SEED: beneficiari dell'avviso

Le imprese beneficiare del bando sono tutte le Startup innovative (come definite dal DL 179/2012) costituite dopo la data di pubblicazione dell’avviso.

Per potervi accedere le imprese devono costituirsi prima della firma dell’atto di impegno e devono essere iscritte nella sezione speciale del Registro delle Imprese italiano dedicata alle startup innovative e avere sede operativa nel Lazio.

PRE-SEED: quali agevolazioni offre

La dotazione complessiva del bando è di 4 milioni di euro (fondi POR FESR 2014-2020), un  contributo a fondo perduto destinato a sostenere due tipologie di attività: le startup nate dagli spin-off della ricerca e le startup innovative ad alta intensità di conoscenza.

Con la determinazione n. G06903 del 12 giugno 2020 la Regione Lazio ha modificato l’art. 1 comma 4 del bando: la dotazione ammonta ora a 8 milioni di euro, con una riserva di 1 milione di euro per progetti di impresa Startup Innovativa aventi ad oggetto la realizzazione di prodotti, servizi e applicazioni finalizzati alla gestione dell’emergenza COVID-19 e degli effetti economici e sociali ad essa correlati.

Il contributo può coprire fino al 100% delle spese ammissibili. L’agevolazione è un contributo a fondo perduto riconosciuto a fronte di spese ammissibili, effettivamente sostenute e rendicontate, e commisurato agli apporti di capitale e – nel caso di spin-off della ricerca – anche agli apporti di tempo lavorativo da parte di uno o più “soci innovatori” della startup innovativa.

Le modalità di concessione ed erogazione dei contributi variano a seconda della tipologia di attività dei destinatari del finanziamento:

  • Startup innovative ad alta intensità di conoscenza. In questo caso il contributo è pari al massimo al 100% dell’apporto di capitale fornito dai soci, con un importo che va da 10.000 euro a 30.000 euro. In presenza di investitori terzi e indipendenti (investitori professionali, business angels, raccolta tramite equity crowdfunding) che apportino capitale in misura pari ad almeno 10.000 euro, il contributo massimo concedibile è pari a 40.000 euro. Gli investitori terzi e indipendenti non possono in nessun caso acquisire la maggioranza del capitale sociale.  
  • Startup nate da spin-off della ricerca. In questo caso il contributo va da 10.000 euro a 100.000 euro e deve corrispondere al massimo alla somma del valore dell’apporto di tempo lavorativo fornito dai “soci innovatori” nel primo anno e del valore dell’apporto di capitale. L’apporto di tempo lavorativo deve rappresentare almeno il 50% del totale degli apporti validi. La Regione intende così finanziare startup costituende nelle quali sia chiara la presenza di almeno un “socio innovatore” proveniente dal mondo della ricerca (pubblica o privata) e che ne valorizzino gli esiti dell’attività di ricerca;

Una riserva di 2,5 milioni di euro è destinata inizialmente al sostegno degli spin-off della ricerca, lasciando fin da subito 1,5 milioni di euro a sostegno delle Startup Innovative. Nell’ambito di ognuna delle due tipologie di intervento è prevista una riserva di 1.000.000 di euro destinata alle richieste che coinvolgono investitori terzi e indipendenti.

Startup

PRE-SEED: progetti ammisibili

I progetti finanziabili devono appartenere agli ambiti individuati nella Smart Specialization Strategy regionale e ai settori ad alta intensità di conoscenza. In concreto i progetti devono:

  • essere basati su una soluzione innovativa da proporre sul mercato, già individuata al momento della presentazione del progetto sebbene da consolidare in taluni aspetti più operativi, che soddisfi esigenze che rendano il progetto scalabile, anche sui mercati internazionali;
  • avere dei soci e/o un team dotati di capacità tecniche e gestionali che garantiscano il proprio impegno allo sviluppo del progetto anche in termini di apporto tecnologico e lavorativo;
  • prevedere un Piano di attività a un anno che renda credibile che il progetto entro tale termine risulti di interesse per gli operatori operanti nel mercato del capitale di rischio dedicato alle startup-.

La presenza di coinvestitori terzi, seppur non obbligatoria, è comunque considerata come un elemento premiante che può incrementare il finanziamento concesso.

PRE-SEED: spese ammisibili

Essendo connesse ad una Start up nella fase di pre-seed, le spese ammisibili sono quelle che rientrano nelle seguenti categorie:

  • spese di costituzione;
  • investimenti;
  • costo del personale;
  • altre spese ammissibili.

Non sono ammesse le spese sostenute prima della data di presentazione della domanda di finanziamento, ma solo le spese sostenute dopo l’avvio della richiesta di finanziamento, e non oltre 12 mesi dalla firma dell’atto di impegno.

PRE-SEED: presentazione della domanda

La presentazione delle richieste avviene con procedura “a sportello” che prevede la verifica di ammissibilità in ordine di arrivo delle richieste che possono essere presentate tramite il portale GeCoWEB fino all’esaurimento delle risorse disponibili.

L’istruttoria è svolta da Lazio Innova a supporto delle valutazioni che saranno effettuate da una apposita Commissione, sulla base dei criteri definiti dal Comitato di Sorveglianza del POR.

PRE-SEED: considerazioni finali

"L’innovazione è lo strumento specifico dell’imprenditoria. L’atto che favorisce il successo con una nuova capacità di creare benessere".

Peter Ferdinand Drucker

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram

Hai un tuo progetto? Hai bisogno di essere finanziato?

VERIFICA FINANZIABILITà CON IL QUIZ

verifica subito se hai i requisiti per accedere ad un finanziamento tramite uno dei bandi messi a disposizione.

PER UNA CONSULENZA

Lascia un commento

cropped-favicon.png

verifica finanziabilità

prima di iniziare il quiz scegli un opzione

chi sei?

cropped-favicon.png

iscriviti alla newsletter

rimmarrai aggiornato su tutte le novità, potrebbe essere la tua occasione per realizzare il tuo progetto

cropped-favicon.png

verifica finanziabilità

prima di iniziare il quiz scegli un opzione

chi sei?

cropped-favicon.png

vuoi rimanere aggiornato sui nuovi bandi agevolati?

iscriviti alla newsletter