Smart Money, l’incentivo di Invitalia per startup innovative

Smart Money, l’incentivo di Invitalia per startup innovative

Smart Money, l’incentivo di Invitalia per startup innovative

Smart Money è il nuovo incentivo del Ministero dello Sviluppo Economico MISE e gestito da Invitalia per le nuove startup innovative. Smart Money nasce con l’idea di supportare gli imprenditori che progettano startup innovative con l’obiettivo di velocizzare lo sviluppo e la capacità d’ingresso di queste ultime nel mercato. Sarà un mezzo molto importante, che rientra nel più grande incubatore della finanza agevolata, e che agisce nelle prime, e più delicate, fasi di vita di una startup.

Ecco cosa troverai in questo articolo

Cos'è Smart Money

L’incentivo Smart Money d’Invitalia è indirizzato alle startup che desiderano servirsi dei servizi specialistici e il know-how qualificato dei rappresentanti dell’ecosistema dell’innovazione per delineare un progetto imprenditoriale e predisporsi all’ingresso nel mercato. L’obiettivo è agevolare l’incontro e le relazioni delle startup italiane con la rete di incubatori addetti al consolidamento di tali startup innovative e supportarne la fase di lancio nel mercato di riferimento. Infatti le giovani startup potranno fare richiesta di un contributo a fondo perduto per l’acquisizione dei servizi forniti dagli enti abilitati, come incubatori, acceleratori, organismi di ricerca ed innovation hub. Una volta ultimato il piano di attività ammesso ai finanziamenti, potranno fare richiesta per un ulteriore contributo a fondo perduto nel caso fossero presenti enti abilitati, investitori qualificati o business angels che abbiano fatto investimenti in equity nel capitale sociale. Smart Money ha un fondo finanziario complessivo che ammonta a 9,5 milioni di euro.

A chi è destinato Smart Money

La condizione per richiedere i finanziamenti è che le startup abbiano meno di 24 mesi di vita o che abbiano avviato l’iter d’iscrizione nel registro speciale delle Camere di Commercio. Devono inoltre aver sede sul territorio italiano, essere di piccole dimensioni ed essere nella fase di avviamento dell’attività o nella fase sperimentazione dell’idea d’impresa (pre-seed) o nella fase di test del mercato finale per misurare l’interesse per il prodotto/servizio (seed). Possono richiedere i finanziamento anche le persone fisiche a patto che costituiscano la startup una volta che la domanda è stata approvata.

 

Cosa e quanto finanzia Smart Money

Come già accennato, Smart money istituisce due forme di sostegno in due tempi diversi:  

  1. Contributi a fondo perduto per l’acquisto di servizi forniti dalla rete di incubatori, acceleratori e altri enti abilitati. Per essere ammessi i progetti presentati dovranno:
  • proporre una soluzione innovativa da offrire al mercato, con un modello di business scalabile, da sviluppare poi nei dettagli operativi
  • mirare alle competenze tecnologiche e manageriali interne, tramite i soci e compagine sociale, o esterne, con consulenti che vengano da fuori
  • essere nel momento di identificazione del mercato, stiano sviluppando un prototipo o sottoponendo a test il prodotto/servizio dal punto di vista dell’apprezzamento di potenziali clienti/investitori

Tali progetti dovranno essere realizzati in oltre un anno e sottolineare come i servizi specialistici accelerino la crescita ed il miglioramento del progetto. Infatti, già al momento della presentazione della domanda, la startup dovrà avere un contratto o un pre-accordo con un ente abilitato che fornirà i servizi specialistici.

I servizi, e quindi le spese ammissibili, concernono:

  • consulenza organizzativa, operativa e strategica per lo sviluppo e la messa in atto del progetto
  • gestione della proprietà intellettuale
  • supporto nell’autovalutazione della maturità digitale
  • sviluppo e lo scouting di tecnologie
  • prototipazione, ad esclusione del prototipo funzionale
  • lavori preparatori per campagne di crowfunding

Sono ammissibili anche i servizi di incubazione quali l’affitto dello spazio fisico, i servizi accessori di connessione, le attività di networking a patto che direttamente collegati ai servizi sopraelencati. Tali spese vanno sostenute dopo la domanda di finanziamento e nei 18 mesi seguenti. I finanziamenti potranno essere fino a 10.000 euro per quanto riguarda il fondo perduto e potranno coprire fino all’80% delle spese. Il contributo totale per ogni startup non potrà essere superiore a 200.000 euro in tre anni.

  1. Investimenti nel capitale di rischio delle start-up innovative

Il secondo tipo di sostegno previsto è rivolto alle startup innovative che completeranno con successo il piano di attività ammesso con la prima linea d’intervento appena descritta. Il secondo contributo a fondo perduto è previsto nel caso in cui le startup abbiano ricevuto capitali di rischio da parte di enti abilitati, investitori qualificati o business angels per finanziare i loro piani di crescita.

Per ottenere l’agevolazione, l’operazione deve essere in equity, di importo superiore a 10.000 euro, non raggiungere la quota di maggioranza nel capitale sociale, garantire una permanenza per almeno 18 mesi e la raccolta fondi deve essere avvenuta senza l’intermediazione di piattaforme di equity crowdfunding. In questo caso il contributo a fondo perduto è del 100% dell’investimento nel capitale di rischio, per un importo massimo di 30.000 euro.

Come fare la domanda per Smart Money

Le domande potranno essere presentate dalle ore 12.00 di giovedì 24 giugno 2021 tramite la piattaforma web di Invitalia

Sarà necessario registrarsi ai servizi online Invitalia con un normale indirizzo di posta elettronica. Dopodiché sarà possibile accedere all’area riservata e compilare la domanda online, caricando il Business Plan e gli allegati richiesti. Sarà necessario possedere la firma digitale ed un indirizzo di posta elettronica certificata PEC del legale rappresentante della società o di una persona fisica socio o referente dell’impresa costituenda. L’invio della domanda creerà in automatico un protocollo elettronico. Il criterio di valutazione sarà l’ordine cronologico di arrivo delle domande e il bando sarà accessibile fino ad esaurimento fondi.

Conclusioni

In sintesi Smart Money vuole agevolare la nascita di startup italiane supportando le relazioni delle startup con la rete di incubatori addetti al consolidamento di tali startup innovative e sostenendole nella fase di lancio nel mercato di riferimento. Nella prima fase i servizi ammissibili potranno riguardare: consulenza organizzativa, gestione della proprietà intellettuale, supporto nell’autovalutazione della maturità digitale, sviluppo di tecnologie, prototipazione e i lavori preparatori al crowfunding e si potrà richiedere un contributo a fondo perduto per un importo massimo di 10.000 euro che può coprire fino all’80% delle spese ammissibili. Nella seconda fase invece saranno finanziati gli investimenti nel capitale di rischio delle start-up innovative, a patto che abbiano completato il primo piano d’intervento, e se hanno ricevuto capitali di rischio da parte di enti abilitati, investitori qualificati o business angels per finanziare i loro piani di sviluppo. Per questa fase è previsto un contributo a fondo perduto pari al 100% dell’investimento nel capitale di rischio, nel limite complessivo di 30.000 euro. Smart Money sarà richiedibile dal 24 giugno 2021 sulla piattaforma dedicata su Invitalia.

Livia Cocozza

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on google
Share on whatsapp
Share on telegram

Hai un tuo progetto? Hai bisogno di essere finanziato?

VERIFICA FINANZIABILITà CON IL QUIZ

verifica subito se hai i requisiti per accedere ad un finanziamento tramite uno dei bandi messi a disposizione.

PER UNA CONSULENZA

Lascia un commento

cropped-favicon.png

verifica finanziabilità

prima di iniziare il quiz scegli un opzione

chi sei?

cropped-favicon.png

verifica finanziabilità

prima di iniziare il quiz scegli un opzione

chi sei?