Sicilia in digitale

Sicilia in digitale: il bando

Sicilia in digitale

Sicilia in Digitale

“Sicilia in digitale” è il nuovo bando per ricevere agevolazioni per azioni di comunicazione e marketing digitale promosso dalla Regione Sicilia.

Ecco cosa troverai in questo articolo

Cos’è Sicilia in Digitale, chi lo promuove, qual è l’obiettivo

La pandemia da Covid-19 ha velocizzato il processo già in corso della digitalizzazione del processo di acquisto del consumatore. Infatti, da marzo 2020, gli acquisti sul web hanno avuto un forte incremento. Questo sta spingendo anche le imprese siciliane a delineare nuove strategie di marketing finalizzate a consolidare ed innovare le metodologie di promozione del “Made in Sicily”, attraverso azioni di marketing digitale e attività connesse. Le aziende, in particolare le PMI, hanno oggi più che mai bisogno di risorse per migliorare il loro livello di digitalizzazione. Sicilia digitale vuole quindi contribuire alla diffusione della cultura digitale, all’innalzamento del livello di consapevolezza delle imprese sulle opportunità offerte dal digitale e sui vantaggi, all’adozione di interventi di digitalizzazione finalizzati all’implementazione di azioni di comunicazione e marketing on-line per rafforzare e migliorare le performance aziendali.

A chi è destinato Sicilia in Digitale, cosa e quanto finanzia

La dotazione finanziaria complessiva ammonta a € 1.200.000,00.

Saranno finanziabili con contributi a fondo perduto le spese sostenute per:

  • l’acquisizione di consulenze e servizi in materia di utilizzo di strumenti e canali digitali per la comunicazione e il marketing digitale;
  • l’acquisizione di soluzioni tecnologiche, software, strumenti di analisi, servizi digitali a supporto delle azioni di comunicazione e marketing digitale.

Potranno beneficiare di “Sicilia in digitale” le ditte individuali, le società di capitali, le società di persone, le società cooperative , i consorzi che alla data di presentazione della domanda e fino alla erogazione del finanziamento, rispecchino le seguenti condizioni:

  • rientrino nella definizione di MPMI di cui alla raccomandazione U.E. n. 2003/361/CE e dell’allegato 1 – art. 1 del reg. U.E. 651/2014;
  • che nell’esercizio finanziario in corso e nei due esercizi finanziari precedenti, non abbiano ricevuto contributi pubblici, il cui valore complessivo sia superiore ai massimali previsti per l’impresa unica dal Regolamento “ de minimis”;
  • siano iscritte al Registro delle imprese e attive con sede legale e/o operativa in Sicilia alla data di presentazione della domanda di agevolazione;
  • realizzino prodotti siciliani in una unità locale con sede in Sicilia;
  • si trovino nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo in stato di scioglimento o liquidazione e non siano sottoposte a procedure di fallimento, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione controllata;
  • siano in regola con la normativa antimafia, in particolare attestare la insussistenza di cause di divieto, sospensione o decadenza previste dall’art.67 del D.Lgs.6/9/2011 n.159 (Codice antimafia);
  • i relativi soci, amministratori e direttori tecnici non sono stati condannati con sentenze passate in giudicato, o con decreti penali di condanna irrevocabili, o con sentenze ex art.444 c.p.p. per uno dei reati elencanti nelle lett. a), b), b-bis), c), d), e) f) e g), dell’art. 80, co. 1, D.Lgs. 50/16; · siano in regola con gli obblighi contributivi e previdenziali ed in possesso di DURC regolare rilasciato da INPS/INAIL ovvero che non siano in possesso di DURC in quanto non hanno dipendenti.

Sono escluse dalle agevolazioni le imprese operino nel settore della pesca e dell’acquacoltura e nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli.

Il finanziamento potrà coprire le seguenti tipologie di spesa, da affrontare esclusivamente dopo l’inoltro della domanda e non oltre sei mesi dall’accettazione di quest’ultima:

  1. a) consulenze e servizi finalizzati a creare o migliorare la qualità del sito web, sotto il profilo contenutistico e grafico, e le sue prestazioni
  2. b) azioni di comunicazione/ marketing on – line sul web e/o sui canali social, incluse le eventuali traduzioni dei testi connesse alle azioni virtuali
  3. c) acquisizione di soluzioni tecnologiche digitali e strumenti di analisi strettamente collegati alle azioni di comunicazione e marketing on-line.

Tali servizi dovranno essere forniti da soggetti come società/liberi professionisti/lavoratori autonomi, che abbiano comprovate e specifiche competenze e certificazioni nell’ambito informatico, comunicazione e marketing digitale. Chi richiede il finanziamento dovrà quindi presentare il preventivo del programma di spesa insieme al curriculum di chi erogherà il servizio.

Le spese finanziate non potranno superare € 10.000 ( IVA esclusa ) e non potranno essere inferiori a € 5.000 ( IVA esclusa). Il contributo concesso a fondo perduto ammonterà al 70% delle spese ammissibili per le voci di cui alle lettere a) e b) e all’ 85% delle spese ammissibili per le voci di cui alla lettera c). Il contributo non sarà cumulabile con altre agevolazioni ricevute per stesse spese relative allo stesso progetto.

Come partecipare a Sicilia in Digitale

Le domande per il finanziamento “Sicilia in digitale” dovranno essere trasmesse all’Assessorato Regionale delle Attività Produttive – Dipartimento delle Attività Produttive – Servizio 4. S “ Internazionalizzazione, Attività Promozionale e PRINT” di Palermo in modalità digitale, con firma digitale, all’indirizzo web https://sportelloincentivi.regione.sicilia.it dalle ore 10,00 del 30/09/2021 alle ore 17,00 del 20/10/2021. Saranno finanziate le domande fino ad esaurimento fondi. Le domande ammesse ma non finanziabili per fine delle risorse entreranno in una graduatoria e potranno essere agevolate nel caso di rinunce o revoche o nel caso si decida di stanziare ulteriori soldi. La domanda dovrà essere corredata di un indirizzo pec mediante il quale verranno gestiti tutti gli avvisi ulteriori all’invio della domanda.

Conclusioni

La Regione Sicilia ha pubblicato il bando “Sicilia in digitale” per concedere agevolazioni atte a migliorare e rafforzare la comunicazione ed il marketing digitale delle Piccole e Medie Imprese con sede legale in Sicilia che vendono prodotti siciliani. Il finanziamento è pensato per coprire le consulenze e servizi finalizzati a creare o migliorare la qualità del sito web, sotto il profilo contenutistico e grafico; le azioni di comunicazione/ marketing on – line sul web e/o sui canali social; l’acquisizione di nuove soluzioni tecnologiche digitali e strumenti di analisi. È importante ricordare che non potranno invece essere coperte le spese riguardanti l’IVA che sia comunque recuperabile non può essere considerata ammissibile anche ove non venga effettivamente recuperata, le spese sostenute prima della presentazione della domanda di partecipazione all’avviso, le spese pagate in contanti, con bancomat, carta di credito, assegni bancari.

Livia Cocozza

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on google
Share on whatsapp
Share on telegram

Hai un tuo progetto? Hai bisogno di essere finanziato?

VERIFICA FINANZIABILITà CON IL QUIZ

verifica subito se hai i requisiti per accedere ad un finanziamento tramite uno dei bandi messi a disposizione.

PER UNA CONSULENZA

Lascia un commento

cropped-favicon.png

verifica finanziabilità

prima di iniziare il quiz scegli un opzione

chi sei?

cropped-favicon.png

verifica finanziabilità

prima di iniziare il quiz scegli un opzione

chi sei?